Progetto “Alimenti della Salute”: Promozione della Salute Attraverso il Cibo di Qualità

Che cosa è il progetto “Alimenti Della Salute”

Il progetto “Alimenti della Salute” è stato ideato con l’intento di sensibilizzare i cittadini sui benefici del consumo di alimenti di alta qualità per la salute, la longevità e la prevenzione delle malattie. In collaborazione con la Fondazione ARTOI, Sherman Tree promuove l’assunzione di prodotti genuini, non alterati da processi tecnologici e completamente privi di contaminanti o residui chimici. Questi alimenti sono ottenuti attraverso metodi di produzione lenti e accurati che preservano il loro profilo nutrizionale. L’iniziativa si propone di incentivare l’inclusione di questi alimenti salutari e privi di contaminanti nella dieta quotidiana.

Cosa sono i “Gazebo della Salute”

Il progetto include un tour itinerante di “Gazebo della Salute” che farà tappa in diverse città italiane. Questo tour ha lo scopo di promuovere il progetto “Alimenti della Salute”, sensibilizzare il pubblico sull’importanza del consumo di prodotti alimentari di qualità e raccogliere fondi per la ricerca scientifica. Le prime due giornate si sono svolte a Nettuno il 4 luglio e a Saturnia il 6 luglio 2024; il prossimo evento si terrà a Roma, a Piazza del Popolo e a Piazza risorgimento- il 20 luglio 2024.

Che cos’è la pasta della salute

Attualmente, all’interno del progetto “Alimenti della Salute” troviamo la “Pasta della Salute”.

La “Pasta della Salute” nasce dalla collaborazione tra la Fondazione ARTOI, l’azienda agricola “Mulino Le Pietre” e l’azienda farmaceutica “Sherman Tree Nutraceuticals”.

Sherman Tree ha scelto accuratamente fornitori qualificati e certificati, come l’azienda agricola “Mulino Le Pietre”, che adottano una produzione artigianale a filiera corta. Questi fornitori utilizzano esclusivamente varietà di grano antico che non richiedono l’impiego di pesticidi ed agenti chimici.

Sherman Tree ha esaminato la “Pasta della Salute” tramite analisi multiresiduali per valutarne la qualità e la sicurezza alimentare. È stata testata la presenza di 801 residui chimici e pesticidi, compreso il glifosato, un erbicida potenzialmente dannoso. I risultati delle analisi hanno mostrato che tutti gli 801 pesticidi non solo erano al di sotto del limite massimo consentito ma anche sotto la soglia minima rilevabile.

Per maggiori informazioni consultare il sito: www.pastadellasalute.it

Condividi su:

LinkedIn
WhatsApp
Facebook

I nostri ultimi articoli

Il sito è ancora in fase di sviluppo

Stiamo lavorando per offrirti un’esperienza online straordinaria. Il nostro sito è attualmente in fase di sviluppo per garantirti una piattaforma innovativa e user-friendly. Ci scusiamo per l’inconveniente e non vediamo l’ora di condividere il risultato finale completo!